Le mestruazioni

Cosa sono e cos’è il ciclo mestruale

Le mestruazioni sono il segno della mancata fecondazione dell’ovulo. Da un punto di vista biologico, rappresentano la perdita di sangue, attraverso la vagina, proveniente dalla cavità uterina in seguito allo sfaldamento dello strato superficiale dell’endometrio a causa di una diminuzione dei livelli di estrogeni e progesterone. Si verifica ciclicamente nelle donne fertili, e rappresenta l’inizio del ciclo mestruale.

La durata media delle mestruazioni si esprime in 4-5 giorni, con un flusso più abbondante nelle prime 24-72 ore sebbene tale durata sia soggetta a variazioni individuali e dipenda sia dallo stato di benessere fisico che psicologico della donna. Dai 35 anni in poi questo arco di tempo tende ad accorciarsi con la conseguenza che il flusso diventa meno abbondante e le mestruazioni tendono a divenire meno regolari.

Le prime mestruazioni, dipendentemente da variabili geografiche e di etnia che possono influire di due o tre anni relativamente alla loro comparsa, avvengono in genere intorno ai 13 anni. Il tempo che coincide con il primo flusso mestruale è chiamato menarca.

Il flusso di sangue presente ad ogni mestruazione varia tra i 20 e i 70 ml. Tale variazione è dettata da fattori quali l’età, l’etnia, l’area geografica, lo stato di benessere fisico e psicologico. Il flusso troppo abbondante viene chiamato ipermenorrea mentre si parla di ipomenorrea se le mestruazioni sono eccessivamente scarse. Nel caso in cui le mestruazioni non compaiano per mesi, invece, si parla di amenorrea, vale a dire l’assenza del flusso mestruale.

Le mestruazioni tuttavia, facendo parte della vita di ogni donna in età fertile, portano con se un significato che va ben oltre quello meramente biologico. Si pensi, ad esempio, ai dolori pre e post mestruali che possono accompagnare la donna e che in taluni casi possono diventare invalidanti impedendo così la normale vita quotidiana.

Articoli Recenti

Lascia un commento